Carenza di manodopera: la Germania vuole puntare sugli extraeuropei

scritto da il 17 Agosto 2018

2173c4c6-bf3b-4bd0-a61c-e04c957bc6cd

La Germania ha raggiunto un nuovo record quanto a posti di lavoro vacanti: stando ai rilevamenti del dipartimento di ricerca della Bundesagentur für Arbeit (Agenzia federale del lavoro), nel secondo trimestre del 2018 erano 1,21 milioni gli impieghi disponibili sul mercato del lavoro tedesco, 115.000 in più rispetto allo stesso trimestre del 2017. La lista degli ambiti più colpiti dalla carenza di manodopera pubblicata dalla Bundesagentur für Arbeit a giugno 2018, si è allungata notevolmente, accogliendo negli ultimi sei mesi 14 nuove professioni e raggiungendo così quota 61. A guidare la classifica è il settore dell’assistenza agli anziani in cui per 100 posti vacanti si contano soltanto 27 lavoratori specializzati disoccupati e le posizioni restano scoperte in media per 175 giorni. Altri ambiti colpiti sono l’edilizia, la logistica, lo sviluppo di software, la consulenza fiscale e la logopedia. A questo problema si accompagna una disoccupazione estremamente bassa (5,0% a giugno 2018). Dati record dietro cui si cela un reale rischio di impasse per l’economia tedesca: se questa fase di alta congiuntura dovesse perdurare come previsto dagli esperti, tra qualche anno la carenza di manodopera riguarderà ulteriori settori del mercato del lavoro, finendo per esercitare un pericoloso effetto frenante sulla crescita del Paese. Ed ecco che a cinque mesi dal suo insediamento, l’esecutivo tedesco guidato dalla cancelliera Angela Merkel ha annunciato di voler correre ai ripari entro la fine dell’anno con una legge che agevoli l’immigrazione e il reclutamento mirato di forza lavoro specializzata da Paesi extraeuropei.

Voluta in prima istanza dai socialdemocratici della SPD, ma sostenuta poi anche dall’Unione (CDU e CSU) come misura chiave della nuova legislatura, la legge in questione intende dunque puntare sulla manodopera straniera per scongiurare l’imminente impasse. Da tempo è chiaro che lo Stato tedesco non può far fronte all’emergenza affidandosi unicamente alle risorse interne: negli ultimi anni è stata infatti l’immigrazione di cittadini dell’Europa meridionale colpita dalla crisi economica e di rifugiati a consentire una parziale compensazione dello sviluppo demografico negativo del Paese, responsabile di un’emorragia dal mercato del lavoro pari a 300.000 persone all’anno.

Soltanto una liberalizzazione dell’immigrazione di manodopera specializzata da Paesi extraeuropei, se associata a un incremento dei finanziamenti al sistema educativo tedesco, può dunque contribuire a risolvere quello che attualmente rappresenta il principale fattore di rischio per le aziende in Germania. Se i cittadini dell’Unione Europea possono infatti circolare e lavorare senza restrizioni in tutti gli Stati membri, chi proviene da Paesi terzi deve fare i conti con condizioni tutt’altro che flessibili. Questo comporta che spesso il potenziale di molti cittadini extraeuropei non possa venire messo a servizio del mercato del lavoro tedesco.

In realtà negli ultimi anni la Germania ha già avviato un processo di liberalizzazione dell’immigrazione per alcune categorie di lavoratori extraeuropei. Dal 2012 esiste per esempio la cosiddetta Blaue Karte (carta blu), un documento che consente a personale altamente qualificato – laureati e accademici – di lavorare in Germania. Per ottenerla il lavoratore deve però dimostrare di aver già ricevuto un’offerta di lavoro e di poter contare su un salario minimo. Fino a marzo 2018 il documento è stato assegnato a oltre 76.000 professionisti, per la maggior parte provenienti da India, Cina e Russia e attivi nei cosiddetti ambiti MINT, ovvero matematica, informatica, scienze naturali e tecnica. I lavoratori extraeuropei senza qualifica accademica possono invece lavorare in Germania soltanto se la loro professione compare nella lista degli ambiti colpiti dalla carenza di manodopera, stilata ogni sei mesi dalla Bundesagentur für Arbeit. Anche in questo caso vale il prerequisito della presentazione preventiva del contratto, una restrizione non da poco se si considerano le difficoltà della ricerca di lavoro dal Paese d’origine. Al momento soltanto agli accademici di Paesi terzi è consentito cercare lavoro direttamente in loco grazie a un visto temporaneo.

Non è ancora chiaro come il governo intenda procedere per incrementare ulteriormente le liberalizzazioni, ma con tutta probabilità punterà a un’apertura alla manodopera con formazione professionale e all’estensione della possibilità di cercare lavoro in loco. In particolare il Ministro del lavoro Hubertus Heil (SPD) ha proposto l’introduzione di un visto a breve termine per l’ambito medico-sanitario, proprio per ovviare alle difficoltà della ricerca di lavoro dall’estero. Secondo questo modello i lavoratori in questione potrebbero trattenersi sei mesi in Germania per cercare un’occupazione a patto che si mantengano autonomamente. Altri punti chiave che la coalizione dovrà affrontare riguardano la lista degli ambiti colpiti dalla carenza di manodopera sulla base della quale soltanto determinati professionisti da Paesi terzi possono lavorare in Germania e il riconoscimento dei titoli professionali e di studio. Molti datori di lavoro e l’Unione tedesca delle camere di commercio e industria (DIHK) considerano la lista stilata dalla Bundesagentur für Arbeit un imbuto controproducente e ne propongono l’abolizione oppure l’ampliamento attraverso l’inclusione di nuove professioni non necessariamente specializzate, per esempio nel settore dei servizi. Quanto al riconoscimento dei titoli esteri, bisognerà discutere un eventuale snellimento del processo, giudicato da molti troppo lento e macchinoso, ad esempio per mezzo di accordi con i Paesi extraeuropei il cui sistema d’istruzione sia simile a quello della Repubblica federale tedesca.

Anche il tema dei richiedenti asilo sarà senza dubbio oggetto di discussione nella messa a punto della nuova bozza di legge. In realtà il dibattito in merito è già aperto: a fornire uno spunto in proposito è stato di recente il Primo ministro dello Schleswig-Holstein, Daniel Günther (CDU), che si è detto favorevole a un ammorbidimento delle restrizioni anche per quei richiedenti asilo la cui domanda sia stata rigettata, a patto che siano ben integrati e rispettino determinati requisiti per l’ingresso nel mercato del lavoro tedesco. In un’intervista alla testata Tagesspiegel Günther ha dichiarato: “Spesso ci si domanda perché a venire espulse siano proprio le persone ben integrate, che hanno imparato il tedesco e hanno trovato un lavoro in Germania, mentre per le altre le espulsioni risultino complicate. […] Vorrei che ci fosse un regolamento chiaro che permetta di avviare una regolare procedura di immigrazione anche per i richiedenti asilo integrati e utili per il mercato del lavoro tedesco.” Accolta calorosamente da SPD, Verdi e FDP (liberali), la proposta di Günther si applicherebbe ai richiedenti asilo che abbiano già concluso una formazione, parlino tedesco e possano dimostrare l’esistenza di un rapporto di lavoro e comporterebbe un cosiddetto “cambio di corsia” (in tedesco Spurwechsel) dallo status di richiedenti asilo a quello di migranti economici. Volker Kauder, il capogruppo di CDU e CSU al Bundestag, si è espresso con scetticismo rispetto alla posizione del Primo ministro dello Schleswig-Holstein, ma anche all’interno della formazione di Angela Merkel non mancano i sostenitori della proposta, mentre il partito di estrema destra Alternative für Deutschland vi si oppone radicalmente considerandola un incentivo all’immigrazione clandestina. Non mancano nemmeno le voci che condannano il provvedimento in toto, come quella di Sahra Wagenknecht: la discussa capogruppo di Die Linke ritiene che la Germania debba formare da sé la sua forza lavoro specializzata incrementando i finanziamenti al sistema d’istruzione evitando di ricorrere al reclutamento del ceto medio di Paesi poveri per poi fare dumping salariale.

A settembre sarà il Ministro degli interni Horst Seehofer (CSU) insieme al Ministro del lavoro Hubertus Heil (SPD) e al Ministro dell’economia Peter Altmaier (CDU) a definire i punti principali del provvedimento la cui bozza dovrebbe essere pronta entro l’anno. Nella conferenza stampa prima della pausa estiva Angela Merkel ha dichiarato che la misura servirà ad affrontare la carenza di manodopera specializzata nell’interesse della Germania, a combattere l’immigrazione clandestina e a controllare i flussi. Pur sottolineando che è irrealistico pensare che il provvedimento possa portare a un controllo dei flussi migratori attraverso l’incanalamento nel mercato del lavoro, gli esperti sottolineano la portata che potrà avere la legge in quanto riconoscimento ufficiale della necessità e dell’utilità dell’immigrazione per la società tedesca.

Ultimi commenti (2)
  • Albana Lloshi |

    Io sono OSS (operatrice socio sanitarie). Vedo che la Germania ha carenza di personale nel ambito della cura per i anziani. Come posso fare per candidarmi? C’è possibilità per chi ancora non parla la lingua ?

  • Luigi |

    Sono interessato alla bonifica del lavoro in campo Europeo e alle evoluzioni correnti di questo paese a me confinante.