12 Gennaio 2020

Le donne devono fare silenzio. Il taccuino di Nicoletta Polla Mattiot

scritto da

Singolare femminile” è il titolo dell’ultimo lavoro di Nicoletta Polla Mattiot e fa parte di Accademia del silenzio. Avvicinarsi senza avere un’idea precisa di cosa aspettarsi dal volume, ultimo arrivato della preziosa collana che la giornalista dirige dal 2010 insieme al filosofo Duccio Demetrio, potrebbe lasciare come spiazzati. E, infatti, quello che si aggiunge ai più recenti I sensi del silenzio (2012) e Silenzi d’amore (2015) è un taccuino. A prima vista è un testo di dimensioni ridottissime che si rivela però in grado di ricucire un certosino lavoro di ricerca e di indagine, cui Nicoletta Polla Mattiot si dedica...

24 Luglio 2017

Perché corro, anche quando non corro

scritto da

  Un paio di estati fa mi ritirai con un amico in un monastero benedettino nel nord dell’Inghilterra, con poca religiosità e molta speranza di trovare lucidità. Ero in un periodo di decisioni di vita che, all’epoca, sembravano vitali. Appena uscito dall’università e con un grosso investimento alle spalle, sapevo che le opzioni di lavoro più redditizie erano anche quelle che meno mi appassionavano. Allo stesso tempo, ero incerto di cosa mi appassionasse in quel momento. Prima di partire, mio padre, conoscitore dei miei esperimenti tanto drastici quanto poco duraturi, mi disse: “E’ inutile andare in un monastero se...

14 Giugno 2017

Guido Tonelli, il silenzio e l'organizzazione aziendale dopo il bosone di Higgs

scritto da

«Lo zero è pieno di numeri. Il silenzio è pieno di suoni». Se c’è un privilegio nell’incontrare un fisico come Guido Tonelli - lo scienziato del bosone di Higgs, quello che ha dato al mondo la notizia della scoperta della particella di Dio - è capovolgere la prospettiva. L’invisibile esiste, il tangibile è inconsistente, l’eccezione è la regola, l’astrazione è molto concreta e via dicendo. Così, pensi di intervistarlo su quark, fotoni, elettroni e finisci per parlare di filosofia e del senso della vita. «E’ ovvio che, nel momento in cui ti chiedi da dove viene la meraviglia materiale che ci circonda, com’è nato...