12 Febbraio 2024

Stem, progetti per preparare le ragazze ai lavori di domani

scritto da

    “L’attualità ci chiede di reinventare le nostre realtà imprenditoriali. Le soluzioni richiedono competenze stem, che sono e saranno le competenze del futuro”. A delineare il profilo del lavoro che verrà - e di ciò che già oggi le aziende cercano - è Anna Carmassi, project leader di Steamiamoci, un progetto promosso da Assolombarda che, come spiega sempre la portavoce, "oggi è un network a livello nazionale dove imprese ed associazioni del sistema Confindustria, fondazioni, enti pubblici e privati lavorano in squadra con l’obiettivo di promuovere la diffusione delle competenze stem tra le nuove generazioni, con...

28 Marzo 2023

Mid-career Award: un bando per consolidare la ricerca a "metà carriera"

scritto da

    “Muddle of the middle: perché gli scienziati a metà carriera si sentono trascurati”. È questo il titolo di un’inchiesta della rivista Nature, pubblicata nel settembre 2022, che ha provato a indagare cosa accade ai ricercatori e alle ricercatrici quando si trovano nella fase di mid-career. Quella fase, ovvero, che si sviluppa dopo aver ricevuto un incarico, che magari corrisponde alla fase del professore associato, un periodo di tempo in cui si è superato il blocco di partenza, c’è stata una promozione, ma non si è ancora raggiunto il grado nella gerarchia che permette di accedere alle risorse finanziarie...

13 Luglio 2022

Scienza, ecco chi sono le ricercatrici premiate con borse L'Oreal-Unesco

scritto da

    Di quanto la scienza abbia bisogno delle donne e delle giovani scienziate che lottano contro i pregiudizi lo dimostrano le sei vincitrici di “For Women and for Science”, primo premio internazionale per donne nel settore scientifico istituito nel 1998 da L’Oreal e Unesco per valorizzare carriere al femminile. Sono state assegnate 6 borse di studio del valore di 20.000 euro ciascuna ad altrettante ricercatrici under 35, tra 250 candidature da tutta Italia sulla base dell’eccellenza riconosciuta ai loro progetti nei campi delle scienze della vita e della materia. Secondo i recenti dati dell'Unesco, il numero di donne che...

30 Marzo 2021

Un festival STEM per ripensare la scuola

scritto da

      Immaginate di dover ricreare in laboratorio gli ambienti dove la leucemia si sviluppa. Come? Attraverso una stampante 3D. Per molti potrebbe sembrare fantascienza, ma per Cristina Scielzo, responsabile del laboratorio di Biologia delle cellule B maligne e modellazione 3D dell’Ospedale San Raffaele di Milano, è uno dei suoi ambiti di ricerca. “Dall’esigenza di lavorare su modelli 3D, ho fatto una ricerca su Internet e ho trovato una startup scandinava sulla mia stessa lunghezza d’onda - ci racconta - sono andata a vedere di persona e ho capito che si poteva lavorare insieme per avere una stampante ad hoc nel mio...

30 Agosto 2020

Ragazze con i numeri: 15 storie incredibili di scienziate

scritto da

    In questo libro si parla di ragazze: una conducente di treni mancata, un'altra obbligata a fingersi un uomo, una star di Hollywood che avrebbe potuto far finire prima la Seconda guerra mondiale. In questo libro si parla, anche, della diossina di Seveso, di una scienziata premio Nobel costretta ad avere il laboratorio in camera da letto, di una ragazza che giocava con il fuoco. In questo libro si raccontano storie. Storie di ragazze, di donne, che hanno fatto la Storia. Storie vere, appassionanti, avventurose, a volte drammatiche: le storie, molte famose e conosciute anche dal grande pubblico altre meno, di “Ragazze con i...

10 Maggio 2018

“Ragazze con i numeri”: come nasce una scienziata?

scritto da

“Lanciarsi col paracadute è la cosa più bella del mondo” pensava Valentina mentre guardava incuriosita, soprattutto le ragazze che ripiegavano il paracadute dopo il lancio. Se ne stava per ore ad ammirare quelle piccole figure che veleggiavano in cielo per poi arrivare a terra. Fu proprio dal paracadute il suo primo incontro con il “vuoto” e il paracadutismo diventò la sua più grande passione. Dedicava il suo tempo libero ai lanci e l’aeroporto era la sua seconda casa. Fino a quando non ha assistito alla tv al lancio spaziale che vedeva tra i protagonisti, Yuri Gagarin, un suo compatriota. Così cominciò ad immaginare la...

19 Aprile 2018

"Draw a scientist": disegneresti un uomo o una donna?

scritto da

In inglese i nomi generalmente non si declinano al maschile o al femminile. Ci sono alcune eccezioni, come actor e actress o prince e princess ma nei casi di professioni si usa normalmente doctor, per esempio, sia per un dottore che per una dottoressa, o scientist. Se quindi chiedi a un bambino "to draw a scientist", stai chiedendo di disegnare uno scienziato o una scienziata, senza differenza. Deciderà lui o lei. Il "Draw a scientist test" (Dast) è un test che è stato utilizzato a valutare la percezione dei bambini e delle bambine rispetto alla figura dello scienziato e della scienziata nel corso degli anni. In uno...

11 Febbraio 2018

#WomenInScience: come non far sentire le ragazze delle immigrate nella scienza

scritto da

    Il nostro obiettivo? "Non far sentire le ragazze delle immigrate nel territorio della scienza". Nell'International Day of Women and Girls in Science, promosso oggi dall'Onu, il sodalizio di Sara Sesti e Liliana Moro, autrici del libro "Scienziate nel tempo - 75 biografie" (Edizioni Lud Milano, 2016) merita di essere raccontato. Perché racconta lo sforzo di due amiche, l'una docente di matematica e l'altra di storia, di rompere il silenzio intorno alle donne che hanno scelto di addentrarsi in quelle che una volta venivano definite "scienze dure" e che oggi chiamiamo Stem: scienza, tecnologia, ingegneria e matematica. Ancora...