04 Settembre 2019

Conte-bis, 7 donne su 21 ministri. Ecco chi sono

scritto da

    Non siamo al 50%, ma il 30% è stato garantito. Finiscono così tutti gli appelli dei giorni scorsi sia al presidente Sergio Mattarella sia al "nuovo" premir Giuseppe Conte. Sette dicasteri su 21 vanno a donne, compreso il ministero degli Interni. Altra novità, da mettere subito in evidenza, è la costituzione, dopo anni, del ministero delle Pari Opportunità, che fino ad oggi era rimasto una Cenerentola come dipartimento presso la Presidenza del consiglio. Ma chi sono le sette donne scelte da Conte e dagli alleati di governo? Partiamo senz'altro da Luciana Lamorgese, che è la terza donna ministra dell'Interno nella...

22 Gennaio 2018

In Italia il fascino della PA seduce i laureati migliori

scritto da

    Il settore pubblico assume col contagocce, ma si prende il fior fiore dei laureati e soprattutto delle laureate. Tre anni dopo il conseguimento del titolo, meno di un laureato su quattro lavora nel settore pubblico, ma il 47% di questi neoassunti si è laureato con lode (contro il 32% del settore privato). Il divario è anche maggiore considerando la sola componente femminile: lavora nel pubblico solo una laureata su quattro, ma il 50% di queste neoassunte si è laureata con lode (contro il 37% del settore privato) (Tabelle 1 e 2). Tabella 1 - Laureati magistrali per sesso e settore di occupazione, tre anni dopo il...

14 Dicembre 2017

Il lavoro agile aumenta la produttività e riduce l'assenteismo. Perché non adottarlo?

scritto da

      La flessibilità lavorativa è prevalentemente femminile nel nostro Paese, perché il peso delle responsabilità delle attività di cura è ancora in carico in prevalenza alle donne e dunque nella coppia è la donna che generalmente o non lavora o opta per un lavoro flessibile. Si è perciò portati a collegare anche il lavoro agile o smartworking all’universo femminile, ma i dati delle ricerche più recenti sul tema dimostrano che lo smartworking è uno strumento di natura trasversale, molto utilizzato anche dagli uomini ( in oltre il 50% dei casi) e che, quindi, va oltre le distinzioni di genere. L’utilizzo...

09 Marzo 2017

Donne e lavoro: chi ha il coraggio di dire la verità

scritto da

Passato e onorato l’8 marzo, vale la pena di affrontare a testa alta la realtà e trovare il coraggio di raccontare davvero come stanno le cose. Al di là dei numeri, dietro i numeri, a corredo dei numeri, perché se non partiamo da una visione autentica di ciò che succede nel mercato del lavoro, sarà difficile fare un salto di qualità. Quello che ci serve, per mettere le basi di un vero rinnovamento, è un’operazione di trasparenza da parte di chi è testimone, ma anche attore, di quanto succede nelle aziende, negli studi professionali, nelle università, nei centri di ricerca, nel mondo dell’arte, nella pubblica...

02 Febbraio 2017

È finito il tempo delle carriere solo per anzianità!

scritto da

Non è una questione di “rottamazione” dei senior, piuttosto un tema di meritocrazia. Continuare a ripetere il modello di carriera basato prettamente sugli anni dedicati a una professione, senza la valutazione della qualità del lavoro svolto, è una distorsione che drena energie soprattutto ai più giovani. La verità è che la meritocrazia conviene a tutte le organizzazioni, perché favorisce una migliore allocazione delle risorse e spinge a creare un ambiente lavorativo virtuoso, con un impatto diretto sul business. Tanto che sta diventando una priorità anche nella scelta dei membri dei board di aziende quotate e non, per...