Lezioni di sport: come le atlete superano i loro limiti

scritto da il 27 Maggio 2017

Lo sport è una scuola di vita: vivere una competizione, far parte di una squadra, sono esperienze che tanto hanno da insegnare su dinamiche affini a quelle della vita quotidiana e che potenzialmente contribuiscono a reagire nel modo migliore ai problemi di tutti i giorni.

La vita è infatti imprevedibile, creiamo un percorso, definito dalle nostre scelte, ma a tradimento si presentano dei piccoli o grandi inconvenienti. A quel punto sta a noi affrontarli con spirito positivo oppure, prima del salto, dar spazio a pesanti elucubrazioni. Non sempre siamo consapevoli che quegli stessi pensieri, che dovrebbero aiutarci, di fatto trasformano abilmente l’ostacolo in qualcosa di molto più grande e a quel punto insormontabile. In altri casi cerchiamo di aggirarlo, mandiamo avanti qualcun’altro, imputiamo colpe, insomma l’alibi diventa il nostro mestiere. Lo sport è un campo di allenamento dove il percorso, gli ostacoli e la sfida sono concreti e il ragazzo che sta crescendo può ‘giocare’ ed imparare a superare le difficoltà in un contesto protetto.

Lo sport ,infatti come dice l’etimologia della parola, è l’abbreviazione della parola inglese disport e di quella francese desport che significa divertimento.

Queste donne sportive di ostacoli ne hanno dovuti superare parecchi per raggiungere i massimi obiettivi di un’atleta. Attraverso le loro citazioni possiamo creare un discorso ideale sulle sfide della vita, sull’importanza degli avversari, della lealtà, dell’accettare le frustrazioni, su come un punto debole possa essere un punto di forza.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ultimi commenti (3)
  • CLAUDIA RADENTE |

    Lo sport in linea ideale è solo positivo. Come tutti gli strumenti di cui siamo circondati, noi uomini ne facciamo, uso, consumo e purtroppo abuso delle volte. Quindi l’agonismo fine a sè stesso, il non porsi mai un limite, lo sfruttare il proprio corpo senza tregua non è sport, ma abuso del concetto di sport.
    Come cita JOsefa Idem, lo sport quando smette di essere gioco non è più sport.

    Lo sport in sè è decisamente importante.

  • Fabio |

    Caro Alessio, interessante quello che scrivi anche se non lo condivido. Provo a darti il mio punto di vista perché sono convinto che lo sport sia un mezzo per trasmettere e vivere valori oltre ad essere educativo. Lo sport insegna ad essere disciplinati, apre al confronto con i compagni e rispetto dell’avversario, insegna l’importanza del lavoro di squadra e ti assicuro che richiede intelligenza e l’applicazione di strategie sempre diverse per vincere. Lo sport è divertimento e passione. Lasciami enfatizzare un concetto: la competizione sportiva nel rispetto delle regole e la considerazione per l’avversario è spesso presentato come un ideale importante non solo per lo sport, ma per l’insieme delle relazioni tra individui.
    Lo sport è importante.

  • Alessio |

    Secondo me invece lo sport è assolutamente INUTILE, irrazionale e privo di senso logico: il valore di una persona secondo me NON dipende da quanti goal fa, da quanto veloce corre, da quanti pesi solleva, il valore dell’uomo è nella mente, nel cervello, ed io preferisco e preferirò sempre esercitare la mia mente più che il mio corpo E’ il cervello che mi rende evoluto, non il fatto di correre più veloce, una gazzella corre più veloce di me eppure è meno evoluta. Dietro la volontà sportiva di superare i propri limiti io vedo il narcisismo dell’uomo, il voler stabilire una superiorità che a mio avviso si fonda sul NULLA, su cose inutili e profondamente irrazionali. Infatti perché devo sprecare energie, magari esponendomi ad infortuni, per qualcosa che non mi fa risolvere nessun problema e non ha un senso logico? Io dico che le discipline non apportano nessun beneficio al progresso materiale dell’umanità, infatti è molto più utile uno scienziato che nel suo laboratorio studia come curare una malattia, rispetto ad un campione che dopo 10 anni è già usurato nel fisico e non ha fatto progredire un bel nulla nel mondo, se non il suo IO, che si è gonfiato di NULLA. Lo sport inoltre con il tempo logora il fisico, i corridori hanno ernie al disco, i calciatori subiscono infortuni, le patologie legate allo sport sono tantissime, esso fa MALE.