03 Agosto 2022

La trappola psicologica del perfezionismo

scritto da

Il perfezionismo è associato a malessere psicologico e correlato a depressione, stress e burnout. È quanto ricorda un recente articolo di The Economist. Non solo: la letteratura evidenzia infatti che è presente anche in altri tipi di patologie, come disturbi alimentari o disturbo ossessivo-compulsivo. La tendenza a non accettare alcun tipo di imperfezione si accompagna a standard di comportamento grandiosi, spesso ben al di sopra delle proprie possibilità. Si punta a un traguardo di per sé irraggiungibile e si è accompagnati da vissuti di insicurezza e dal costante timore di sbagliare. Il perfezionismo, in virtù di questa...

29 Luglio 2022

Sii un leader, comportati da donna!

scritto da

  Comportati da donna! A giudicare dalle ricerche degli ultimi anni sul modello di leadership vincente per il mondo di oggi, questa frase dovrebbe essere scritta sulle pareti negli uffici e nelle sale riunioni delle aziende. Non solo per controbilanciare l’implicito assunto inverso che influenza ancora oggi immagini, vocabolario e immaginario sulla leadership - ossia che per essere leader occorra essere “veri uomini” - ma anche perché è proprio così: al mondo contemporaneo serve urgentemente una guida che ha molti tratti femminili, ed è tautologico affermare che le donne potrebbero fornirla, mentre lo è meno allargare...

03 Giugno 2022

Tra libertà e potere: che cosa succede se l’azienda tratta i dipendenti come freelance

scritto da

  Non è mai stata “per sempre” e oggi lo vediamo più di prima: la relazione tra azienda e dipendenti è un contratto comunque a tempo determinato, che deve considerare il cambiamento continuo di entrambe le parti in causa. Cambiano le aziende e le competenze di cui hanno bisogno, perché intorno a loro cambia il mondo, e cambiano le persone, che attraverso diverse fasi della loro vita sono nelle condizioni di dare apporti diversi. Folle sarebbe pensare che tutto possa restare sempre uguale: parole come reskilling e upskilling etichettano il bisogno di professionalità diverse, parole come engagement definiscono un continuo...

19 Settembre 2020

Podcast, una maratona al Festival Tramedautore

scritto da

    Perchè un Festival dedicato alla drammaturgia teatrale internazionale inserisce nel programma una maratona di podcast? C’entra qualcosa il teatro con il podcast? Per gli addetti ai lavori la risposta è chiaramente sì, ma anche per i fruitori, per il pubblico, la connessione è evidente anche se forse meno consapevole. Non esiste un solo tipo di podcast, ma le istanze che li accomunano sono più o meno le stesse: intrattenimento e informazione, che si intrecciano con modalità narrative più o meno dichiarate. Il podcast si sta evolvendo sempre di più verso un utilizzo della narrazione e del racconto come veicolo di...

18 Agosto 2017

Integrare architettura, arte e design. Conversazione con Nanda Vigo

scritto da

Sognare l’America, riuscire ad andarci, rimanerne delusi e tornare a casa. Nanda Vigo, artista, architetta e designer milanese nata a Milano nel 1936. Racconta: “avevo circa 7 anni, era l’ultimo anno di guerra ed eravamo sfollati sul lago di Como. Ogni tanto ci recavamo in città per fare acquisti e in una di queste uscite sono capitata davanti alla casa del Fascio di Terragni. Sono rimasta fulminata, in quel momento ho scoperto la bellezza; la luce che entrava all'interno del vetrocemento della facciata si scomponeva in miriadi di piccoli arcobaleni e continuava a mutare, perché basta un minimo di spostamento del sole,...

27 Marzo 2017

In questi giorni mi sento una Drag

scritto da

  “I miei genitori gestivano un bar per cui stavo spesso da nonna, una sarta bravissima. Il salotto pieno di ritagli di stoffa di ogni forma e colore era il mio campo di battaglia ideale: lo scampolo di una tenda si trasformava in una gonna a strascico mentre uno strofinaccio bianco – il mio preferito – legato dietro la testa alla maniera egiziana, diventava una chioma fluente. Tuttavia, l’abito non fa il monaco, così portavo il mio piccolo stereo nel vano scale e, complice un’acustica da teatro dell’opera, mi esibivo sulle note di Patty Pravo, di Renato Zero o della Bertè davanti al mio entusiasta pubblico...