02 Dicembre 2019

Sport, lavoro di squadra per il professionismo femminile

scritto da

      La rivoluzione è iniziata in Francia, al Mondiale di calcio. Sul piatto c’è il professionismo delle calciatrici e, in generale, delle atlete italiane. "Ora che il sistema si è messo in moto, non ci sono più scuse", è il pensiero della capitana azzurra, Sara Gama, al convegno “L’importante è pareggiareDiritto del lavoro e parità di genere nello sport”, che si è svolto a Milano il 2 dicembre con l’organizzazione dell’Agi, gli Avvocati giuslavoristi italiani. "Basta riempirsi la bocca con la parola professionismo – prosegue la calciatrice – se non si lavora insieme e non si trova un percorso...

29 Ottobre 2019

Cristiana Girelli: "Calciare un rigore ai Mondiali 2019 è servito a combattere i tabù"

scritto da

      «In fondo la mia vita è la storia dei tentativi che ho fatto di tenere i piedi per terra senza smettere di alzare gli occhi al cielo». In questa frase di Massimo Gramellini c’è tutta l’essenza di Cristiana Girelli, 29 anni, nata in provincia di Brescia, attaccante della Juventus e della Nazionale italiana. «Fai bei sogni» è il suo libro preferito e di sogni stupendi ne ha fatti eccome. Anche quando da bambina colpiva con i piedi tutto ciò che trovava per terra. «Per casa cercavo sempre qualcosa da calciare e poi passavo tutti i pomeriggi all’oratorio a giocare a calcio. È sempre stata una passione,...

28 Ottobre 2019

Dal campetto all’oro lo sport al femminile in Italia cambia volto

scritto da

      Nel pomeriggio assolato il tum tum tum di una palla rompe il silenzio. Una ragazzetta palleggia fino al campetto e lì dopo un cenno del capo,lascia giù la sua palla e inizia a giocare con gli altri. Nel campo accanto una bimba in calzoncini cerca di scartare il compagno di classe e di andare in porta. Scene da un oratorio qualunque in un’Italia che sta cambiando, anche nello sport. E una parte importante del cambiamento sono le calciatrici scese in campo ai Mondiali di Francia, che a suon di gol e parole hanno aperto una breccia culturale profonda. Sono le ragazze d’oro della neve Sofia Goggia, Michela Moioli e...

17 Luglio 2019

"Donne di sport" oggi a Una Montagna di libri di Cortina

scritto da

            “Un giorno ho deciso che il mio posto non era lì in sideline a guardare I ragazzi, il mio posto era in campo a correre, bloccare e placcare”.     Inizia così il racconto di  Nausicaa dell’Orto, oggi giocatrice della nazionale italiana di football americano e junior producer NFL FILMS. Era, però il 2011 quando decise di scendere in campo con un casco in testa per inseguire una palla ovale. Il footbal americano femminile in Italia non esisteva. Oggi c'è un campionato e una nazionale che ha giocato pochi giorni fa un'amichevole contro la Spagna e che scenderà in campo in un triangolare...

12 Febbraio 2019

Nello sport come nella vita, come si fa a rialzarsi dalle sconfitte?

scritto da

      Nella mia carriera sportiva ho vinto tutto quello che potevo vincere. Volevo l’Italia e mi sono presa l’Italia, volevo l’Europa e ho conquistato l’Europa. Poi ho voluto il mondo e, dopo tanti sacrifici, sono salita sul tetto del mondo. A 27 anni sono infatti diventata la campionessa mondiale di karate. In ogni curriculum è, ovvio, si scrivono solo le vittorie, che sono tante, però di sconfitte alle spalle ce ne sono a centinaia. Sconfitte agonistiche sui tatami del mondo ma anche momenti difficili nella vita personale. Non siamo invincibili, piuttosto cadiamo e ci rialziamo mille volte e soprattutto prima di...