13 Maggio 2019

Le parole possono fare la differenza. Anche nella violenza contro le donne

scritto da

Tempesta emotiva che "giustifica" il femminicidio. Il ritorno del delitto d'onore. Gelosia come aggravante o come attenuante. Prese di posizione agli estremi: giudici incapaci. No, lettura errata delle motivazioni. Bianco o nero. Il dibattito su alcune sentenze in processi per femminicidio si è guadagnato titoli di primo piano sui giornali, prese di posizione di personaggi di spicco, della politica e della cultura, fino alle parole del presidente del Consiglio Giuseppe Conte: "Una tempesta emotiva non è una giustificazione per un femminicidio". Partiamo dai fatti:una sentenza della Corte d'Appello di Bologna, a inizio marzo,...

09 Maggio 2019

Dall'elefante al topolino: le sentenze sui casi di violenza contro le donne nelle aule giudiziarie

scritto da

Cosa succede alle donne vittime di violenza che, dopo la denuncia, affrontano un processo? Come sono organizzate le procure e i tribunali? Il problema non è da poco e lo stesso Consiglio superiore della magistratura ha dettato precise e puntuali linee guida per la trattazione dei casi di violenza di genere e per garantire un adeguato trattamento alle vittime. Se le linee guida del Csm fossero applicate in maniera puntuale, concordano legali e associazioni, molte delle criticità che emergono nei procedimenti potrebbero essere superate. Certo, ci sono anche norme che possono essere migliorate e alcune proposte attualmente al vaglio...

22 Aprile 2019

Ddl Pillon, anche gli avvocati siciliani chiedono il ritiro e rilanciano la petizione on line

scritto da

          È in Commissione Giustizia al Senato dal settembre del 2018. Il disegno di legge Pillon – tecnicamente ddl 735 - è un’ipotesi di riforma, contestatissima. La pretesa è di riscrivere il diritto di famiglia, norme in materia di affidamento condiviso dei figli e mediazione familiare. Le critiche che il testo ha raccolto in questi mesi sono trasversali e arrivano tanto dagli operatori del diritto, quanto da molta parte della società civile e perfino dal mondo cattolico. La notizia è che da ultimo si sono mossi anche avvocati e avvocate del Foro di Catania (di cui faccio parte). Si sono fatti promotori...

21 Marzo 2017

Numeri, controllo del rischio e applicazione delle norme. Compliance, una professione sempre più al femminile

scritto da

Chi l'avrebbe mai detto che il rigore dei numeri, il controllo del rischio interno ed esterno nelle aziende, e l'applicazione rigorosa della norme fosse un mestiere perfetto per le donne? Eppure, più che gli studi e le analisi di settore, l'esperienza concreta sta dimostrando come la compliance quella funzione aziendale che punta ad assicurare comportamenti corretti e trasparenti all'interno e all'esterno di un'azienda, garantendo l’integrità e la reputazione di una azienda, dei suoi managers e dei suoi collaboratori sia fatto a misura di donna. La compliance in organizzazioni sempre più complesse assume una valenza strategica...

21 Febbraio 2017

Board: gli ordini professionali pronti a promuovere la banca dati di donne

scritto da

Ingegnere, avvocate, commercialiste, consulenti del lavoro. Sono le professioniste che avranno modo di mettere in evidenza i loro curriculum iscrivendosi alla banca dati promossa dal Dipartimento Pari Opportunità presso la presidenza del Consiglio in collaborazione con l’Università di Udine. La novità? Che a promuovere la banca dati saranno gli stessi ordini professionali. Sono stati, infatti, appena siglati cinque protocolli di intesa tra il Dipartimento per le Pari opportunità e gli Ordini Professionali (Ingegneri, Avvocati, Dottori commercialisti ed esperti contabili, Consulenti del Lavoro e Confprofessioni) per promuovere la...

25 Novembre 2016

#25novembre: Contro la violenza sulle donne le leggi da sole non bastano

scritto da

Ci sono reati per i quali le leggi da sole non bastano. Servono anche forze dell’ordine, avvocati e magistrati con la voglia e la capacità di farle rispettare e di applicarle nel modo corretto. “In Italia non è ancora radicata una cultura basata sui diritti umani, che metta al centro l'esigenza di protezione della donna che chiede aiuto in una situazione di violenza da parte di un uomo”. È molto severa Barbara Spinelli. Avvocata e attivista per i diritti umani, Spinelli è stata la promotrice, nel nostro Paese, dell’uso della parola femminicidio e anche una delle prime persone a parlare di “responsabilità di Stato” per...