L’altra faccia della violenza contro le donne: 1.600 orfani per femminicidio

scritto da il 20 Settembre 2016

bambino-piccolo-soloNon solo donne. Non sono solo loro le vittime dei casi di violenza degli uomini contro le proprie compagne che, nelle vicende più cruente, sfociano nell’uccisione delle donne.  Le altre vittime silenziose e troppo spesso dimenticate sono i bambini. Bambini vittime della cosiddetta ‘violenza assistita’, cioè costretti a essere testimoni della violenza sulla madre, e bambini orfani per l’uccisione  da parte del padre o di un altro uomo, delle loro mamme. Nel giro di circa un decennio in Italia si contano oltre 1.600 orfani per femminicidio. A volte si tratta di orfani anche di padre, se quest’ultimo, come spesso avviene, si è suicidato dopo aver ammazzato la compagna, oppure orfani di madre con l’altro genitore pesso in carcere.

Com’è intuibile le problematiche e le sofferenze per questi bambini sono molteplici. Spesso finiscono in casa famiglia, oppure sono oggetto di contesa  tra vari familiari. Raramente ricevono l’aiuto necessario per affrontare una situazione che è stata paragonata, per i risvolti psicologici che comporta, a quella dei minori vittime loro stessi di violenza.

Al momento, per i bambini testimoni della violenza contro le loro mamme, non ci sono norme ad hoc né assistenza particolare. “La violenza assistita – spiega Titti Carrano, avvocata e  presidente dell’associazione D.i.Re, Donne in rete contro la violenza – è  stata introdotta come aggravante nel procedimento penale, ma ciò non basta. Noi chiediamo concrete misure anche nel codice civile, con il riconoscimento specifico della decadenza della responsabilità  genitoriale nei casi di violenza assistita. Intervenire solo con la giustizia penale non è uno strumento completo”. Carrano punta poi il dito in particolare sul fenomeno dell’alienazione parentale: “un grave problema che si verifica quando i bambini vittima di violenza assistita si rifiutano di vedere il padre che strumentalizza la situazione e accusa la madre di aver coartato i figli. Così si nasconde la violenza”.

Ad alzare il velo sul caso degli orfani da femminicidio ci penserà il 21 settembre alla Camera dei Deputati un convegno intitolato ‘Switch off: orfani speciali dei femminicidi’, organizzato dall’Università di Napoli assieme all’associazione D.i.Re. L’evento, coordinato da Irene Zerbini di Radio 24, sarà l’occasione per fare il punto sulla situazione e dettare le linee guida da seguire.

Ma cosa serve per prendersi cura di questi bambini? Secondo alcune esperte di violenza di genere, come Oria Gargano, presidente dell’associazione Be Free, “i casi di violenza rappresentano una cifra enorme. E i bambini che assistono alla violenza dei padri sulle loro mamme presentano gli stessi sintomi dei bambini vittime di violenza”. L’elenco dei mezzi necessari per affrontare il fenomeno è lungo. “Occorre abbattere – dichiara Anna Costanza Baldry, psicologa e coordinatrice del progetto Switch-off.eu- il muro del silenzio. Servono azioni e interventi adeguati, formazione mirata, linee-guida per gli interventi, e una legge che tuteli e sostenga i minori. E’ grave l’assenza dello Stato”.

Il rischio dei mancati interventi  è molto alto e tanti bambini ed ex bambini lo stanno già pagando. Dalle interviste realizzate a quanti sono stati vittime di violenza assistita o hanno dovuto fare i conti con la morte delle loro mamme , si è notato che la minoranza che ha accettato di aprirsi ha parlato di uno stigma che si porta addosso, della solitudine vissuta, dei sensi di colpa per non essere riusciti ad aiutare le loro madri. E del desiderio di nascondersi e non raccontare quanto hanno sofferto.

Ultimi commenti (1)
  • Federico |

    E della violenza femminile sui bambini ne vogliamo parlare? E della strumentalizzazione dei bambini da parte delle madri separate? Degli orfani di padre vivo invece che ne dite? Oppure sono argomenti scomodi da trattare e quindi preferite mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi? Siamo alle porte del 2019 aggiornatevi che di donne “angelo del focolare” non ce ne sono più, in compenso madri che uccidono i figli, maestre che percuotono bambini, ex mogli che commettono violenze psicologiche con ricatti e umiliazioni all’ex coniuge è pane quotidiano!