19 Novembre 2018

Branchesi, la donna che è riuscita a far dialogare fisica e astronomia

scritto da

      È la pioniera di una nuova era astronomica. Quella multimessaggera capace di esplorare l’universo con luci e suoni. Si schermisce Marica Branchesi quando le dico che è considerata una delle scienziate più importanti del mondo. Si apre in un sorriso luminoso davanti a un caffè macchiato prima della conferenza che terrà in rettorato, all’Ateneo di Cagliari per il Festival della Scienza. Questa scienziata italiana è una donna apripista. È grazie al suo fondamentale contributo se, per la prima volta, l’anno scorso, sono state osservate le onde gravitazionali provenienti dalla collisione di due stelle di...

08 Ottobre 2018

«Siamo là fuori». Cosa possiamo imparare dal premio Nobel Donna Strickland

scritto da

      Sono solo tre le donne che nel corso della storia hanno vinto il premio Nobel per la fisica. La prima è stata Marie Curie nel 1903 per i suoi studi pionieristici sulla radioattività, la seconda ad aggiudicarsi la massima onorificenza è stata Maria Goeppert - Mayer nel 1963 per le sue ricerche sul modello a guscio del nucleo atomico, la terza Donna Strickland qualche giorno fa. La scienziata canadese ha condiviso il premio con i colleghi Arthur Askin e Gerard Mourou per le loro invenzioni rivoluzionarie basate sugli impulsi ottici ultracorti, ad alta intensità che hanno permesso ai laser di entrare nella nostra vita...

10 Maggio 2018

“Ragazze con i numeri”: come nasce una scienziata?

scritto da

“Lanciarsi col paracadute è la cosa più bella del mondo” pensava Valentina mentre guardava incuriosita, soprattutto le ragazze che ripiegavano il paracadute dopo il lancio. Se ne stava per ore ad ammirare quelle piccole figure che veleggiavano in cielo per poi arrivare a terra. Fu proprio dal paracadute il suo primo incontro con il “vuoto” e il paracadutismo diventò la sua più grande passione. Dedicava il suo tempo libero ai lanci e l’aeroporto era la sua seconda casa. Fino a quando non ha assistito alla tv al lancio spaziale che vedeva tra i protagonisti, Yuri Gagarin, un suo compatriota. Così cominciò ad immaginare...

13 Febbraio 2018

Il diritto di contare. Donne e scienze, un binomio vincente

scritto da

    Katherine è una brillante matematica, con eccellenti doti di calcolo in geometria analitica; Dorothy è affascinata dai primi sistemi operativi e studia la programmazione del computer IBM; Mary è un’aspirante ingegnere. Tre fantastiche eccezioni, nel 1960, quando la scienza era considerata prerogativa degli uomini. E proprio per questo vengono reclutate dalla NASA. Katherine. in particolare, riusce a risolvere equazioni matematiche complesse, conquista il rispetto e l’ammirazione dei colleghi e contribuisce alla creazione di una elaborato calcolo per le coordinate della traiettoria di rientro della capsula spaziale...

31 Gennaio 2018

Tre giovani donne, tra le tante, da tenere d'occhio nel 2018

scritto da

      Il 14 maggio di quest’anno compirà quarant’anni il soffitto di cristallo, l’espressione usata per indicare le barriere invisibili che impediscono alle donne (e alle minoranze) di raggiungere i piani alti del potere. Quarant’anni è un compleanno importante, un buon momento per tirare le somme. In molti pensano che il 2018 sarà l’anno delle donne, dopo che il caso Weinstein e il movimento #metoo hanno smosso le fondamenta del sistema. Non si è trattato semplicemente di denunciare la molestia subita su un tram affollato, ma di cambiare le lenti agli occhiali: dal paternalistico scherzo della pacca sul...

28 Novembre 2017

For Girls in Science: ispirare le ragazze alle STEM, il progetto di Fondazione L'Oréal

scritto da

  La passione scientifica di Caterina è nata con lei: “Non c’è stato un momento di svolta, un evento specifico che mi ha condotto alla carriera scientifica. Ho sempre amato queste materie e penso di essermi limitata a seguire un’intuizione, un’onda che mi ha trascinata”. Maria Enrica, invece, si è innamorato dei numeri e delle formule spinta dalla curiosità insaziabile e dalla “mia voglia di capire le cose”. Così, quando è stato il momento di scegliere la facoltà universitaria a cui iscriversi, non ha avuto dubbi: “Ho deciso di studiare fisica un po’ perché ero stata influenza dei miei zii fisici, e in...