«Me ne assumo io la responsabilità»

scritto da il 05 Settembre 2018

a093624d-7def-4653-a23a-d5ad957ff24b

Per i miei figli, al mare, «Reazione a catena» è una tappa obbligata, dopo la doccia e prima della cena. Vanno matti per il gioco a premi enigmistico di Rai1. Così, quando ci sono, non mi sottraggo e mi diverto con loro. Puntata speciale quella di ieri: le Focaccine hanno vinto 147.000 euro e si sono aggiudicate il record stagionale. Ma la vera notizia è un’altra, e ve la racconto.

Per chi non l’ha mai visto, spiego. Il gioco finale consiste nell’indovinare l’ultima parola della catena di associazioni linguistiche, con o senza aiuto. E l’aiuto, naturalmente, ha un prezzo: chi lo chiede, dimezza il montepremi. La squadra delle Focaccine è composta da tre studentesse universitarie di Milano. Ragazze che sanno dare il giusto peso al denaro, se a inizio gara hanno detto al presentatore che avrebbero utilizzato un’eventuale vincita per pagarsi le tasse dell’università. Insomma ve la faccio breve: arrivano all’ultima maglia della catena (la vedete sopra) e si convincono che quella parola loro ce l’hanno in pugno. Anche senza comprare l’aiuto. Insomma, potrebbero portarsi a casa 147mila euro anziché 73.500. Due di loro però vacillano: meglio comprarlo, quell’aiuto. Meglio essere certe di portarsi a casa quei 73mila euro tanto importanti per le loro tasse universitarie. Pazienza se avrebbero potuto vincere di più, l’importante è mettere in saccoccia la retta universitaria. La terza (vestito bianco e fiori, nella foto) però non ci sta, è sicura di farcela. Le altre la implorano. E lei se ne esce con la frase più bella del mondo: «No, non compriamo l’aiuto. Me ne assumo io la responsabilità». Com’è andata a finire, se aveva ragione o no, ormai lo sapete.

Ma quanto è prezioso, sentire in bocca a una donna poco più che ventenne, una frase così matura? «Me ne assumo io la responsabilità». Se vinco, certo. Ma soprattutto anche se perdo. Se sbaglio è colpa mia, se sbaglio pago.

In questi giorni di ponti che crollano senza che nessuno (o più di uno, certo) ne sapesse niente. Di fabbriche dell’acciaio che non si sa che fine faranno. Di navi già a riva che non riescono ad attraccare. In questi giorni in cui è sempre colpa di qualcun altro, e in cui nessuna decisione viene davvero presa. In questi giorni, sentire di nuovo qualcuno dire «Me ne assumo io la responsabilità» è stato come il suono della sveglia. Non importa se è soltanto un quiz in tv. Un applauso alla studentessa di Milano, e a tutti quelli che di noi sapranno fare altrettanto.

Ultimi commenti (5)
  • adele |

    seguo sempre il programma ma, come quasi sempre succede, quando si è campioni per troppo tempo poi si diventa anche arroganti e antipatici. Se fossi stata in loro dopo una vincita del genere, insieme a quelle precedenti, mi sarei ritirata per dare la possibilità ad altri di riuscire a vincere.Ma il dio denaro infetta tutti, anche le pulite, coscienziose, responsabili ragazze milanesi che voglio proprio vedere se spenderanno tutti quei soldi per l’università o lo hanno detto solo per conquistare cuori! Mah! Anche in questo gioco, come fanno all’Eredità, quando si fa l’en plain,dovrebbero smettere di concorrere.

  • Lorenzo Biagio Nacca |

    Ho letto con piacere l’articolo. Condivido in pieno sia l’articolo che il gesto della Ragazza: un esempio per tutti noi

  • Bruno Neposteri |

    Si è assunta la responsabilità. Ma non ho capito a quale prezzo. Gli insulti delle socie?

  • ale |

    Sono sincera, la vera notizia sarebbe stata se lei avesse perso e avesse rinunciato al suo terzo di vincita del montepremi ridotto, per assumersi davvero la responsabilità delle sue azioni.

    Perché a 20 anni puoi essere spavaldo ed urlare al mondo che te ne assumi la responsabilità, ma quando sei adulto e scopri che se ti assumi la responsabilità poi tutte le colpe sono tue davvero…è diverso e più difficile.

    La vera vittoria sarebbe stata nella sconfitta. Vedremo in una prossima puntata…

  • Lucio boncompagni |

    Condiderazioni profonde su un gioco che forse non é, ma ha permesso a giovani donne di partecipare e vincere; ragazze oneste e serie come a migliaia sono in Italia, su cui si basa il nostro futuro e non solo quelle persone esagitate ed esagerate su cui si fa oggi spettacolo; complimenti alla giornalista che da ub fatto quotidiano ha saputo trarre considetazioni generalmente valide