11 Giugno 2019

Giornata Mondiale contro lo sfruttamento del lavoro minorile: 152 milioni di bambini coinvolti

scritto da

        Lavorano presso pizzerie e kebabberie per oltre 12 ore al giorno, all’inizio senza un regolare contratto, arrivando a percepire un compenso che varia tra i 150 e i 200€, che basta a stento per pagare il posto letto nelle case dei connazionali che li ospitano. Tra i minori stranieri vittime di sfruttamento lavorativo, un numero significativo, in particolare, proviene dall’Egitto. Nella maggior parte dei casi provengono dalle zone di Al Sharkeya e Assiut giunti in Italia tramite ricongiungimento familiare, sono poco scolarizzati e già inseriti nel mondo del lavoro sommerso sin tenera età in lavori di poca...

28 Marzo 2017

Donne con sempre meno tutele: se ne parla oggi all'auditorium di Roma

scritto da

Magdalena, polacca, classe 1980, arriva in Italia, a Foggia, nel 2001 per raccogliere i pomodori. A trovare lavoro l’ha aiutata un suo connazionale che poi si rivela essere un caporale. Magda, come tutti la chiamano, vive in un casolare, senza servizi, lavora fino a 12 ore al giorno, in nero. E non riceve nessun tipo di salario che viene riscosso al posto suo dal caporale. Dopo tre mesi, esausta, decide di scappare, aiutata da una famiglia italiana. Decide di restare in Italia e si adatta a fare i lavori più disparati, da cameriera a badante a barista a colf, finché, nel 2005, partecipa a un corso di formazione della Cgil di Foggia....