11 Maggio 2017

Educare all'aperto: la sfida degli asili nel bosco

scritto da

Una scuola senza soffitto, senza aule, senza pareti. I bambini stanno seduti per terra, su un sasso o su una panca di legno, circondati da alberi, con il soffio del vento sul viso, con le mani nell’erba. E' una scuola che esiste davvero, anche in Italia: è un modello nato e diffuso nel Nord Europa, dove i bambini trascorrono la maggior parte del tempo a stretto contatto con la natura piuttosto che all’interno di una struttura. I Waldkindergarten sono nati un po’ per caso, in Danimarca, negli anni cinquanta, quando una mamma decise di creare un piccolo asilo a conduzione familiare per aiutare altre mamme lavoratrici, che non...

15 Novembre 2016

Dislessia e dintorni: Gabriella (mamma e presidente) e la coop in campo per i bambini e i ragazzi con Dsa

scritto da

Gabriella siede al tavolo dei relatori nella sua doppia veste: presidente della cooperativa sociale Squero, che dal 2011 a Venezia promuove centri ricreativi e per il doposcuola, e mamma di un ragazzo con Dsa. La sigla sta per Disturbo specifico dell’apprendimento e riunisce un mondo – dislessia, difficoltà nella lettura; disgrafia, la difficoltà nel tratto grafico, quella che una volta veniva chiamata la “brutta calligrafia”; disortografia, che impatta sulle parole, la loro scrittura e le regole ortografiche, e discalculia, che ostacola gli automatismi dei meccanismi di calcolo dei numeri – e ha un impatto sui ragazzi e sulle...