10 Ottobre 2018

Sono stufa di perdere 854 a 50

scritto da

Non gioco alla PlayStation, e non sto parlando nemmeno delle carte. Però non mi piace perdere. E 854 a 50 è quasi cappotto. 854 è il numero dei premi Nobel assegnati a uomini dal 1901 a l’altro ieri, 50 il numero delle donne. I conti li ha fatti Statista e i suoi numeri sono stati ripresi da un articolo del World Economic Forum. Avremo anche applaudito, all’impennata di riconoscimenti femminili dell’ultima settimana, con il Nobel per la Chimica a Frances Arnold, quello per la Fisica a Donna Strickland o quello per la Pace a Nadia Murad. Ma la verità resta che le donne ai vertici dell’Accademia non solo non hanno ancora...

20 Dicembre 2016

Gli stilisti americani contro la First Lady?

scritto da

Nemmeno loro l’hanno presa molto bene. Dopo l’inaspettata elezione di Donald Trump e conseguente arrivo di Melania come nuova First Lady, tanti stilisti americani si sono affrettati a dichiarare che non l’avrebbero vestita, cioè non sarebbero stati disponibili a volare alla Casa Bianca o alla Trump Tower a NY per seguirla nel suo guardaroba istituzionale. Tra i primi, la stilista Sophie Theallet, che aveva vestito Michelle Obama in parecchie occasioni negli ultimi anni, e che ha dichiarato pubblicamente che, in coerenza con i propri valori etici e morali, e contro il politicamente scorretto manifestato da Donald Trump nei...

09 Novembre 2016

Hillary Clinton: perché essere donna non è bastato per conquistare il voto delle donne

scritto da

Certo, rabbrividisco al solo ricordo della conversazione di Donald Trump con il giornalista nipote dei Bush sulle donne. Certo, vorrei imparare a memoria il discorso di Michelle Obama a pochi giorni dalla messa in onda di quella conversazione "rubata". Un discorso che voleva essere (anche) un superendorsement a Hilary Clinton, in quanto democratica, in quanto donna, in quanto (?) quindi paladina dei diritti delle donne. Eppure capisco le donne che non hanno votato Hillary. E devono essere tante, di classi sociali e livelli di istruzione diversi. Tra queste ci possono essere anche delle donne che non l'hanno vista come paladina dei...

17 Ottobre 2016

Michelle Obama ha detto: “Adesso basta”. Uomini, dove siete?

scritto da

Giovedì 13 ottobre Michelle Obama è salita su un palco a Manchester. Si è rivolta alla platea presente, ma il suo discorso riguarda il mondo intero, come ci riguarda la scelta del prossimo presidente degli Stati Uniti. Michelle è stata, come sempre, semplice e diretta. E ha detto tre cose indimenticabili (come abbiamo fatto a dimenticarle prima che le dicesse lei?): Primo: ha detto che come Trump considera e tratta le donne la ferisce profondamente. Che non riesce a smettere di pensarci. Che “non può fare finta di niente”. Perché il modo che ha Trump di svilire le donne produce in tutte noi lo stesso disagio di...

13 Giugno 2016

Perchè Michelle Obama non si candida a presidente degli Stati Uniti

scritto da

Ecco la proposta di Michelle Obama che no, non si è candidata a presidente degli Stati Uniti, perché è occupata a fondare un altro Stato, uno stato senza confini geografici: lo stato di quelle che non ci stanno più, a quelle regole là, e sono libere fino in fondo, ma soprattutto unite – come noi in Italia ancora non sappiamo o non vogliamo essere – e quindi fortissime. Ascoltiamole, le fondatrici dello “Stato unito delle donne”, e lasciamoci convincere: sono forti, arrabbiate, sorridenti, multietniche, belle, coraggiose, donne, semplicemente, ma anche di più: alleate e in procinto di cambiare il mondo. “Noi siamo lo...

21 Marzo 2016

Il discorso di Michelle Obama sull'educazione delle ragazze diventa virale sui social

scritto da

Una settimana fa Michelle Obama ha parlato dell'importanza dell'educazione delle ragazze a un anno dal lancio dell'iniziativa della Casa Bianca Let Girls Learn, per un'equità nella formazione. Obama ha ricordato che 62 milioni di ragazze al mondo non hanno accesso al sistema educativo nel loro Paese: "Più viaggio e incontro ragazze e imparo dall'esperienza rispetto a questi temi, e più mi convinco che le barriere per l'educazione delle ragazze non sono solo le risorse economiche". La first lady ha sottolineato che si tratta di cultura e convinzioni, che indicano come l'investimento nell'educazione delle giovani semplicemente non vale...