13 Gennaio 2021

Lavoro, 5 consigli + 1 per allenarsi al never normal

scritto da

      No resolution, sì evolution: autenticità, esplorazione e spazio narrativo La consapevolezza che questo 2020 ci ha lasciato è che al posto del tanto atteso new normal, un nuovo stato normale delle cose a cui ambire, ci dobbiamo allenare a un never normal. E allora su che cosa dobbiamo puntare? Su un’abilità resa indispensabile dal sistema in cui viviamo, quella che gli americani definirebbero dealing with ambiguity: vivere in movimento, senza una situazione chiara davanti, capaci di gestire rischio e incertezza, agili e sempre pronti a navigare proprio verso il futuro in divenire, da accogliere in beta...

20 Ottobre 2020

"I am speaking". Quando una donna incarna il suo tono di voce

scritto da

    Articolo a cura di Francesca Parviero e Stefania Fornoni "I am speaking”. Quanti di noi sarebbero in grado di catalizzare l’attenzione del mondo con queste tre parole? Parole che pesano come macigni e che ha pronunciato Kamala Harris, candidata alla vice presidenza USA nel recente confronto con Mike Pence, vice presidente in carica. Facendolo, non ha solo lasciato un’impronta indelebile nella storia dei dibattiti televisivi, ma ha anche surclassato in fermezza ed eleganza il suo candidato presidente Joe Biden, protagonista, solo pochi giorni prima, di un criticatissimo confronto contro il suo rivale, Donald...

07 Marzo 2019

Inclusive Mindset: il potenziale della diversità per le aziende

scritto da

    In un’epoca in cui si sente ancora troppo spesso usare la metafora militare per descrivere organizzazioni divise in due categorie -  soldati e generali -, pare davvero fuoriluogo parlare di cultura dell’inclusione e di corporate citizenship. Figuriamoci se poi se si parla di favorire l'inserimento lavorativo di persone svantaggiate per stigma e pregiudizio! Eppure, ad essere fuoriluogo sono coloro che perseverano a guardare la realtà con stereotipi superati, perdendosi prospettive ben più generative e foriere di vantaggi competitivi incontestabili. La stessa cosa vale a livello politico. La missione del...

27 Giugno 2018

Niente fronzoli a 40 anni? Non facciamone una questione di età

scritto da

    A 40 anni le donne non dovrebbero più indossare fiocchi e fronzoli. A dichiaralo è Alexandra Shulman, ex direttrice di Vogue UK, in un'intervista a The Guardian, citando a mo' di riferimento l'abito da sposa della Principessa Diana. Certo, quelli erano i vaporosi anni '80, e quello doveva essere (e lo è stato) l'abito da sposa per eccellenza. Difficile immaginare la donna di oggi agghindata in stile bomboniera, risulterebbe sicuramente decontestualizzata e poco credibile. Shulman non è la sola a scagliarsi contro i famigerati 40. Permeate di altrettanto rigore, compaiono ciclicamente sul web interviste a famosi...

07 Maggio 2018

Lavoro: le materie STEM un'occasione in più per l'occupazione di domani

scritto da

    Che le donne siano una risorsa vitale per soddisfare la domanda globale di talenti, ma che rimangono tristemente sottorappresentate nella forza lavoro e continuano a guadagnare di meno rispetto agli uomini, lo sappiamo tutti. Il divario retributivo di genere è un tema caldo, tanto che alcune aziende hanno deciso di dichiarare apertamente la loro attività di recupero in questa direzione, cercando di colmare il gap di retribuzione fra uomini e donne. Una ricerca di Accenture rivela che le studentesse universitarie di oggi - dei Paesi sviluppati - potrebbero essere la prima generazione nella storia a vedere il gender pay gap...

21 Novembre 2017

Il nostro look ufficio parla di noi: cose da sapere per essere sé stesse ma in meglio

scritto da

    Che la diversità tra uomini e donne passi anche attraverso le complicazioni del vestire sul lavoro non è una novità. Gli uomini aprendo l'armadio hanno già la loro uniforme che li aspetta (possono scegliere tra abiti tutti uguali, camicie tutte uguali, calzature tutte uguali). Il loro look è in pratica già pronto e non è mai messo in discussione. Si vestono da ufficio. Punto. Per le donne affrontare l'armadio e decidere cosa indossare per andare al lavoro è una cosa totalmente diversa, e per molte rappresenta il primo momento critico della giornata. Dipende dal nostro umore, dal tempo a disposizione, dagli impegni...

30 Ottobre 2017

The Start-up of You: hai anche tu una startup da gestire, te stesso.

scritto da

    Sviluppare un approccio imprenditoriale per la propria carriera. Il messaggio di Teniamoci in contatto, scritto da Reid Hoffman, co-fondatore di LinkedIn, e Ben Casnocha, potrebbe essere riassunto così. Ho scoperto il libro grazie al suggerimento di Nicolò Borghi, co-fondatore di Impact Hub Milano, spazio di innovazione sociale dove lavoravo in quel periodo. Ben Casnocha venne a presentarlo a Milano all’interno della rassegna Meet the Media Guru e quel momento per me rappresenta uno spartiacque, sia nella mia vita professionale che privata. LinkedIn sbarcava in Italia proprio in quei giorni e questo testo si...

04 Aprile 2017

Il fact checking applicato al Curriculum Vitae: cosa cercano oggi i recruiter per conoscerti meglio?

scritto da

Abbiamo già detto che oggi è il lavoro che cerca noi se siamo in grado di farci trovare (guarda il video), ma cosa fa veramente un social recruiter quando trova il nostro profilo professionale online o quando riceve il nostro curriculum e desidera approfondire le informazioni che ci riguardano? Intanto condividiamo un postulato: sia che siate candidati passivi, ignari del fatto che qualcuno stia cercando qualcuno con il vostro profilo, o che siate candidati attivi nell’invio di cv per la ricerca di un lavoro, qualcuno è chiamato a verificare il vostro curriculum vitae prima di fare qualsiasi ulteriore passo nel processo di ricerca...

03 Aprile 2017

10 passi per costruirsi un brand

scritto da

Stufe di essere percepite o etichettate come non si vuole che sia? Che cosa si può fare per uscire da un ruolo in cui ci sente strette? Meglio: È possibile cambiare l’impressione che gli altri hanno di noi? "Sì, si può ricorrendo al self branding, non permettendo agli altri di definirvi come non siete" spiega Odile Robotti, coach che più di 10 anni fa ha fondato Learning Edge, una società di formazione manageriale e di consulenza nell’ambito delle risorse umane. È una via per indirizzare l’attenzione degli altri sugli aspetti di noi stesse che abbiamo scelto di mettere in risalto. Non solo. Come minimo, evitiamo di essere...

23 Marzo 2017

Un buon mentor può fare la differenza nella carriera professionale

scritto da

La fase storica non è certo delle migliori per chi è sulle tracce del proprio cammino professionale. Ma, in fondo, per chi non è alla ricerca “solo” di un’occupazione quanto piuttosto dell’incontro tra la propria vocazione, supportata dalla necessarie conoscenze e dalle competenze che si acquisiscono via via, e le opportunità non è mai stato facile. Il problema non sta tanto nella transizione verso la quarta rivoluzione industriale o nell’oggettivo mismatch del mercato del lavoro italiano, ma in quella conoscenza di sé e dei propri talenti così trascurata nella nostra società, a partire dal sistema educativo. Ecco...