13 Novembre 2019

Tutto quello che dobbiamo ancora imparare dalla prima donna direttrice al Financial Times

scritto da

In Gran Bretagna è caduto un altro bastione maschile: per la prima volta in tutti i suoi 131 anni di vita, il Financial Times ha scelto un direttore donna. Anzi, una direttrice. Roula Khalaf da gennaio sarà alla guida dello storico quotidiano economico londinese, un baluardo dell’establishment e della moderazione britannica. Roula non solo è la prima donna, ma è anche il primo direttore non anglosassone del Ft perché è nata a Beirut, in Libano. Ha studiato negli Stati Uniti e nella redazione del quotidiano londinese ha cominciato dal basso. Si è fatta strada come corrispondente dal Medio Oriente, ha coordinato con grande...

04 Settembre 2017

La rivolta dei primi della classe inglesi: tutti a insegnare!

scritto da

  Quando Lucy Kellaway, una nota giornalista del Financial Times (FT), ha dichiarato di volersi reinventare come insegnante a quasi 60 anni, le reazioni dei suoi colleghi sono state incredule. Il commento medio suonava un po’ cosi: ‘Ma come, hai un ottimo lavoro in cui sei brava, che ti paga bene e a non ti manca molto alla pensione. Chi te lo fa fare di andare a ficcarti a gestire una marmaglia di ragazzetti indisciplinati, e pure sottopagata?’. Ma Lucy non si è fatta intimidire e ha fondato l'associazione Teach Now, fatta proprio per professionisti con 10, 20 o più anni di carriera dietro di sé che vogliono cambiare...

04 Ottobre 2016

Il sì ai capelli bianchi è segno di maggior consapevolezza?

scritto da

Anche se personaggi come Christine Lagarde, Jamie Lee Curtis o Meryl Streep ne ‘Il Diavolo veste Prada’ con le loro chiome immacolate vengono unanimemente considerate donne di grande fascino e personalità (ma stiamo parlando di ultrasessantenni), sono state le recenti apparizioni delle neo-cinquantenni Daria Bignardi e Sarah Gordon del Financial Times a scatenare un acceso dibattito in rete, e non solo. La loro scelta di rinunciare alla tinta dei capelli ha suscitato reazioni animate e diverse, con un coinvolgimento importante anche da parte di donne molto più giovani. Segno che ormai l’argomento è molto sentito. Perché...