06 Luglio 2018

Come diventare la dea del graphic design. Conversazione con Paula Scher

scritto da

“Paula Scher è la dea del graphic design, i suoi lavori sono ovunque”. Recita così Ellen Lupton nella serie di documentari realizzati da Netflix sul mondo dei creativi di cui Paula Scher, graphic designer americana, è protagonista. “Sono nata nel 1948 nei sobborghi di Washington DC. Mio padre lavorava per il governo, era un ingegnere cartografo. Negli anni ’50 scoprì la formula per correggere automaticamente la curvatura della terra in una fotografia aerea. Senza la sua scoperta Google Maps non esisterebbe!” racconta orgogliosa. “Sono cresciuta in una casa piena di mappe e questo sicuramente ha contribuito moltissimo...

10 Novembre 2017

Dalle Creative Mornings alle Founders Dinners di @swissmiss. Conversazione con Tina Roth Eisenberg

scritto da

La campagna svizzera e le cataste di legna perfettamente ordinate fanno parte di un modo di essere che col passare del tempo può diventare stretto se si ha una mente particolarmente creativa e tanta, tantissima voglia di fare. Questo è quello che è successo a Tina Roth Eisenberg,a Swiss designer gone NYCconosciuta online comeSwissMiss”. “Sono cresciuta a Speicher, un piccolo paese di 2000 anime nel nord della Svizzera dove ogni giorno, fuori dalla finestra della mia camera, vedevo pascolare le mucche. I miei genitori erano entrambi imprenditori. Mia madre è stata una vera pioniera per l’epoca: da sola ha...

20 Luglio 2017

Maya Reik la stilista israeliana teenager che produce in Italia

scritto da

  Maya Reik si è innamorata della moda italiana durante un viaggio a Roma, quando aveva solo sei anni anni. "Ricordo di essere rimasta affascinata dal modo di vestire delle donne, così diverso da ciò a cui ero abituata a vedere in Israele. Mi sembrava di essere dentro un vecchio film, e l'unica cosa che desideravo era continuare a farvi parte" racconta ad Alley Oop. Così, mentre la maggior parte dei bambini non riusciva ancora a distinguere il dritto e il rovescio dei pantaloni, lei decideva di diventare una stilista. Attenzione: a dispetto della solennità delle parole, Maya Reik non è una vecchia signora impellicciata...