Castelnuovo, perché il gesto di Rossella Muroni può cambiare la politica italiana

scritto da il 25 Gennaio 2019

96d14ad2-64a9-4651-971f-4f8ae98236c2

Cara Rossella, confesso: non ti ho votata alle ultime elezioni. Nonostante ti conosca e conoscessi il bene delle tue intenzioni, LEU non mi aveva convinta. Da ieri però, avrai il mio voto sempre e ovunque tu andrai. Perché hai fatto “quel che avrei voluto fare io”. Ma che io, invece, non ho fatto. In moltissimi, credo, avremmo voluto fare quello che hai fatto tu. Ma non lo abbiamo fatto.

E nel vederti lì, in piedi da sola davanti a quell’enorme pullman, piccola e determinata, mi sono domandata: dove sono tutti gli altri?

Perché non sono tutti lì: i parlamentari che abbiamo votato, che non sono la maggioranza, ma nemmeno pochi. Dove sono?

Dove si sono chiusi a parlare, parlare, parlare, mentre fuori il mondo succede – come se fosse inevitabile? Bisogna guardarlo e ascoltarlo, il video di te ieri mattina. Perché può sembrare facile, mettersi davanti a un pullman. Ma hanno cercato di tirarti via e tu, con la calma della ragione e del diritto, a quel signore hai detto: “Non mi può spostare”.

“Lei sa quante persone ci sono qui dentro?”, hai chiesto poi al signore che continuava a cercare di mandarti via, seppur un po’ intimorito dal benedetto tesserino di parlamentare – che almeno a questo ancora serve. “Voglio sapere se qualcuno sa a che strutture sono destinate, se si conoscono le loro storie. Sono persone: non numeri, non animali”.

E intanto con la mano toccavi il pullman, che indietreggiava come se lo stessi spingendo.

Lo hai fermato, lo hai fatto tornare indietro. E, facendolo, ci hai fermati tutti.

Ci hai tolti dalla strada dell’impossibilità, ci hai aperto gli occhi davanti a quel che i nostri rappresentanti non stanno facendo. Quello a cui io ho dato il voto: lì con te non c’era. Tutti quelli che non erano lì con te: non stanno facendo il loro lavoro di politici. Loro sono peggio di chi sta prendendo le decisioni sbagliate: perché loro non le stanno contrastando.
I gesti cambiano la storia. Io che ti conosco, so che il gesto ieri non lo hai fatto per calcolo politico. Lo hai fatto perché sentivi di doverlo fare: perché l’alternativa per te, semplicemente, non c’era. Benedette le telecamere, benedetti i social, benedetto anche chi ha cercato di fermarti: adesso questa storia è una storia diversa, una storia nuova.

Il pullman è ripartito, purtroppo, ma la narrazione è cambiata. Non più solo sconfitta e rassegnazione: ma lo spazio, seppur minimo, per i diritti umani che la politica dovrebbe tutelare. Adesso che sei stata in piedi anche per noi, forse diventerai un simbolo: il simbolo benedetto di una politica che può ancora voler dire qualcosa, può ancora servirci.

Vi invito: guardate il video di Rossella Muroni che difende i diritti umani di tutti noi. E’ bella politica, e non se ne vedeva da troppo tempo.

Ultimi commenti (6)
  • Furio |

    Ma non viene pubblicato?

  • Furio |

    Pessima! Blocca deliberatamente un pullman? perché lei voleva sapere dove sarebbero stati trasferiti? Ma chi è? Il tesserino glielo avrei fatto mangiare a suon di sberle. Questi buonisti (la rovina del nostro paese) mi fanno vomitare.

  • Claudio Fabrizio |

    Brava Rossella!
    Ma, d’altra parte: LEU, Legambiente, sociologia … la classe non è acqua

  • Savatore |

    Io spero che questo sia un esempio per tutti sopratutto per i nostri rapresentanti eletti che non fanno altro che usare belle parole e basta.

  • Marco Conserva |

    Speriamo che la prossima volta non sia più sola.

  • Paolo Angius |

    Grande Rossella, io invece ti ho votato e anche con questo gesto me lo fa dire con orgoglio.
    Grazie piccolo tamburino sardo