12 Ottobre 2018

Cosa può fare l'amore? La forza che non sai di avere, storia di Fabiola

scritto da

    Quanto può essere forte l’amore di una madre per il proprio figlio? Ma soprattutto quali e quante risorse inaspettate può mettere in moto?  A guardare Fabiola, una mamma davvero speciale, sembrerebbero davvero infinite. Grande sorriso, entusiasmo travolgente e uno sguardo sereno che si illumina quando parla del suo Jaya. Le abbiamo chiesto di raccontarci la sua storia. Una storia davvero speciale, perché Fabiola non solo ha affrontato con coraggio e spirito di intraprendenza la malattia di suo figlio, ma si è messa totalmente in gioco, rimettendosi a studiare e diventando una “paziente esperta” a livello europeo per...

07 Ottobre 2018

Mamme con la partita iva. Chi sono e come se la cavano?

scritto da

    “Ho sempre invidiato un pochino chi lavora in un posto che sa di caffè del dopo pranzo preso insieme ai colleghi mentre si chiacchiera di cosa fare nel fine settimana: ero, e sono, abituata a lavorare da sola; e il caffè bevuto da soli resta amaro anche se ci si affoga dentro un’intera piantagione di canna da zucchero.”   Accompagno il mio bimbo all’asilo, lo lascio con il labbrino tremulo in braccio all’educatrice che mi saluta dicendomi “buon lavoro”! Grazie, anche a te. Poi torno a casa. No, non si è sbagliata a dirmi buon lavoro. È che io a casa ci lavoro. Rientro nel mio appartamento concentrandomi...

05 Ottobre 2018

Tre cose per consentire davvero agli italiani di "fare i papà"

scritto da

        C’è un disegno di legge (il ddl 735) che vuole obbligare gli uomini a fare qualcosa che nessuno gli ha mai chiesto prima: passare almeno 12 giorni al mese con i figli. Attenzione: qui non si intende solo esserci la mattina per portarli a scuola e la sera per il bacio della buonanotte, ma la gestione totale dell’agenda filiale per 12 interi giorni al mese. Vuol dire sapere dove sono in ogni momento della giornata, coordinarne spostamenti e appuntamenti, accertarsi che mangino, facciano i compiti, arrivino a destinazione, curare le relazioni con i genitori dei loro amici, conoscere i nomi dei loro insegnanti e...

03 Ottobre 2018

Zanza, le donne e il ddl Pillon

scritto da

        Il ddl Pillon, fra critiche e crociate, schiacciato da altre priorità parlamentari, pare lento nel suo iter, ma incombente. Mentre se ne discuteva in Commissione Giustizia, moriva Zanza, l’ultimo dei vitelloni romagnoli. Quanto si è parlato di Pillon, tanto si è scritto di Zanza, seimila conquiste femminili dichiarate nei suoi sessant'anni di vita. A fare incrociare i due non sono stati lo sfoglio di un quotidiano e la casualità temporale, bensì l’accusa che Pillon - il suo ddl - sia figlio di Zanza. A unire il picaro e il ddl del papista sarebbe il disprezzo per le donne. Qui conviene fare un...

03 Ottobre 2018

Maschile plurale: "No al Ddl Pillon, sì a un vero congedo di paternità"

scritto da

      Una signora di una certa età si avvicina a un padre che sta spingendo la figlia più grande sull’altalena e, nel frattempo, non perde d'occhio il piccolo che si agita sul passeggino. “Signore, se lo faccia dire, lei è un mammo perfetto”. In queste parole sono riassunti tutti gli stereotipi che, certamente, sono meno presenti nelle generazioni più giovani, ma pesano ancora nel triangolo padre-madre-figli. La donna, secondo i vecchi schemi, deve prendersi cura dei figli, l'uomo deve lavorare e portare i soldi a casa; e, nel caso in cui il padre sia partecipe nell’educazione dei figli, non sta...

01 Ottobre 2018

Ddl Pillon: le donne non tornerano indietro, faranno scelte diverse

scritto da

        Non fate figli, non divorziate, ma anche non sposatevi, non smettete di lavorare, non sceglietevi mariti e mogli con stipendi più alti o più bassi dei vostri. La società potrebbe cambiare in fretta e probabilmente non accadrà quello che auspica chi ha scritto il disegno di legge 753 (ndr, cosiddetto Pillon), che vorrebbe una famiglia unita nel bene, e purtroppo, anche nel male. Sì, nel male, perché di questo si tratta: conquiste di generazioni di donne vissute nel secolo scorso, che saranno messe a rischio. Io le ho viste le famiglie unite del secolo scorso: fatte di madri e mogli che non potevano...

28 Settembre 2018

Lasciarli correre, lasciarli cadere: tre buone ragioni per festeggiare quando i nostri figli sbagliano

scritto da

      Il bambino, avrà quattro o cinque anni, corre avanti e a un certo punto inciampa e cade. La mamma lo raggiunge in un attimo e, mentre lo tira su, lo rimprovera: “Ti avevo detto di non correre! Lo vedi che sei caduto e ti sei fatto male?!”.   Quante volte assistiamo – o siamo protagonisti – di scene così? Qual è la lezione: non correre perché ti farai male? Secondo la psicologa Stephanie O'Leary, che ha recentemente pubblicato un libro dal titolo “Essere genitori nel mondo reale: le regole sono cambiate”, facendo così stiamo privando i nostri figli di alcune risorse essenziali alla loro...

27 Settembre 2018

Figli virtuali: i dieci comandamenti per sopravvivere al mix adolescenza-web

scritto da

        Il primo Rapporto Auditel-Censis su convivenze, relazioni e stili di vita delle famiglie italiane, presentato al Senato contiene numeri ansiogeni; se non per tutti, almeno per molti. Il rapporto, come si può leggere sul Sole 24 Ore,dice che il 17,6% dei bambini tra i quattro e i dieci anni possiede il cellulare, il 6,7% utilizza il pc fisso, il 24,2,% il portatile, il 32,7% il tablet e il 49,2% è connesso al web. L'ansia, ovviamente, non sta tanto in queste cifre comunque clamorose - difficile spiegarsi a cosa possa servire un cellulare, un pc o un tablet a un bambino di 4 anni se non a svolgere il ruolo di...

26 Settembre 2018

Da mamma non posso misurare il merito solo con il mio lavoro

scritto da

    Qualche giorno fa, mentre attendevo il mio turno incolonnata in auto, di ritorno dal lavoro, mi sono ritrovata ad ascoltare un'intervista di Sebastiano Barisoni a Paolo Crepet. L'argomento era incentrato sui figli, la scuola, l'educazione, la dedizione ed il sacrificio, il merito e l'elite. La sera, dopo aver sistemato la casa, preparato la colazione ed il pranzo per l'indomani ed aver messo a letto la bimba, ne ho parlato a mio marito. Lui, seduto in poltrona, ed io sul divano. Ho ragionato all'educazione che avevo ricevuto da bambina ed a come i miei genitori mi abbiano insegnato il sacrificio con leggerezza, senza...

25 Settembre 2018

Mukako, la startup italiana si allea al colosso cinese Alibaba

scritto da

      L'ultima notizia in ordine di tempo è che Mukako, startup italiana specializzata nell’e-commerce di prodotti per i bambini e le mamme, ha siglato una partnership con il colosso cinese Alibaba. L'accordo prevede la creazione di uno shop virtuale dedicato a MUtable, una postazione di gioco all-in-one per bambini da uno a otto anni, sul sito di Tmall Global. Ma la storia di questa startup fondata da Martina Cusano ed Elisa Tattoni, non ancora quarantenni, viene da più lontano e nasce da una "affinità elettiva" tra due colleghe. "Entrambe avevamo ruoli manageriali nel lancio di startup operative nel commercio...