17 Novembre 2017

Le adozioni mancate viste con gli occhi di un bambino

scritto da

    “Mamma, ma lo sai che al reality Il collegio c’era un ragazzo adottato che viene da un istituto di Addis Abeba?” “Davvero?” Rispondo io che ben poco so di reality, ma l’argomento mi interessa. Una parola tira l’altra e in un attimo ci ritroviamo a parlare dell’istituto in cui stavano le mie figlie prima di essere adottate. “Mamma, chissà quanti bambini ci sono adesso lì!”. “Ma, non saprei, sinceramente. E poi, sapete, è una notizia di questi giorni, ma l’Etiopia in questo periodo ha praticamente chiuso le porte alle adozioni internazionali.” Facce interrogative: “Cosa significa?”. È...

27 Ottobre 2017

Adozione: una scoperta con i nostri figli, giorno dopo giorno

scritto da

    Oggi è un giorno importante per me, il 27 ottobre è il compleanno della mia famiglia. Ogni anno festeggiamo questa data: proprio il 27 ottobre 2011 rientravamo in Italia dall’Etiopia con le nostre due figlie. Non è la data ufficiale riportata sui documenti dell’adozione del tribunale, ma simbolicamente quel primo viaggio insieme ha significato molto per noi. Il primo viaggio in quattro, non più solo coppia, ma improvvisamente genitori di ben due figli contemporaneamente. Ci eravamo naturalmente preparati da tempo per quel viaggio, sia psicologicamente, con anni di percorso adottivo, di incontri con gruppi di altri...

13 Ottobre 2017

Basta: "Genitori adottivi? Che bravi!"

scritto da

      Qualche giorno fa mi ferma per strada l’ennesima signora: “Ma le ha adottate? Uh, che bella cosa. Ma che bravi che siete stati!”. Sorriso di circostanza, e ci riprovo ancora una volta: “Signora, quelle brave sono le mie figlie. Hanno fatto loro la fatica più grande”. Ma lei imperterrita: “Sì, ma siete stati bravi, avete fatto proprio una bella cosa”. Lo so che la signora di turno è mossa da buone intenzioni, me lo ripeto ogni volta come un mantra, ed è per questo che continuo a rispondere educatamente, ma la verità è che non ne posso più di questa visione distorta e semplicistica...

10 Luglio 2017

"Cazzi miei". Cara Gianna, fino a un certo punto...

scritto da

    A sette anni dalla nascita della figlia Penelope, Gianna Nannini, nella sua autobiografia “Cazzi miei”, racconta del trasferimento a Londra con la donna della sua vita (Carla). Il motivo? “Non ci sono leggi, in Italia che mi garantiscano cosa succederebbe a Penelope se me ne andassi in cielo. Quindi me ne vado in Inghilterra, dove sono rispettata nei miei diritti umani di mamma”. Perciò proprio a Londra si unirà civilmente a Carla e attiverà la stepchild adoption. Che dire… sante parole. Tuttavia per quanto il messaggio lanciato da Gianna Nannini possa far riflettere il legislatore italiano...

07 Luglio 2017

Quali sono i colori delle emozioni? Aiutiamo i bambini a riconoscerle

scritto da

Cuore accelerato, sudorazione aumentata, tremore alle gambe, respiro affannoso: sono i sintomi della paura, chi non li riconoscerebbe? Forte calore al volto, irrigidimento della muscolatura, cambiamento del tono della voce: è la rabbia cieca, quella che annebbia l’intelletto e non permette di ragionare, che può spingere anche a fare gesti irragionevoli. Le emozioni, quelle primarie, istintive, possono avere una forza devastante, e comportano delle modificazioni fisiologiche (come l’accelerazione del battito cardiaco) e comportamentali (come la fuga o l’alterazione della mimica facciale) che possono cogliere impreparato...

23 Giugno 2017

Se le aspettative dei genitori possono far male all'autostima dei bambini

scritto da

Dovrete imparare ad abbassare le aspettative con questi bambini”, quante volte ci siamo sentiti ripetere questa frase io e mio marito durante tutto l’iter adottivo. C’è infatti un grande lavoro interiore che l’aspirante genitore adottivo deve fare per imparare prima di tutto a riconoscere e poi smussare le proprie aspettative. Nel lungo periodo dell’attesa di un figlio, che spesso inizia ben prima dell’idea di adottare e che è comune a tutte le persone che desiderino un bambino, ogni coppia sviluppa nella propria testa un’idea di figlio immaginato, più o meno conscia, con una serie di caratteristiche fisiche o...

09 Giugno 2017

"Un bimbo mi aspetta": il diario dell'attesa di un papà adottivo per incontrare la sua bambina

scritto da

L’attesa di un figlio è un periodo speciale nella vita dei futuri genitori. Sono tanti infatti i libri dedicati alle coppie in attesa, basta scorrere gli scaffali delle librerie per contare decine di titoli sulle “mamme che aspettano”. C’è un libro però che ribalta la solita prospettiva, un volume insolito per due motivi principali. Il primo, e non è da poco, è che è stato scritto da un papà, che racconta dal suo punto di vista la lunga attesa per arrivare ad abbracciare sua figlia. Il secondo è che il protagonista dell’attesa è il bambino: “A volte aspettare un bambino significa sapere che un bambino sta aspettando...

26 Maggio 2017

Rimborsi alle famiglie adottive: qualcosa si muove dopo sei anni di attesa

scritto da

Dopo le anticipazioni dello scorso mese, è arrivata la conferma ufficiale: il magistrato Laura Laera, ex presidente del Tribunale dei Minori di Firenze, è la nuova vicepresidente della Commissione Adozioni Internazionali. Una notizia molto attesa da famiglie e associazioni, che sperano ora in un deciso e rapido cambio di rotta della Commissione. E proprio sul sito della Commissione, lo stesso giorno della nomina è stata pubblicata un'altra notizia che si aspettava da troppo tempo: l'aggiornamento sui sospirati e attesi rimborsi alle famiglie adottive che, vale la pena ricordarlo, sono fermi a parte delle adozioni concluse nel...

12 Maggio 2017

Adozione sì o no? I dubbi di un potenziale papà

scritto da

Mi è capitato diverse volte da quando le mie figlie sono con me, che amiche, conoscenti e perfette sconosciute vedendomi con le bambine mi dicessero: “Anche io avrei tanto voluto adottare, ma mio marito non se la sentiva di affrontare il percorso”. O anche nella variante: “Non se la sentiva di diventare padre di un figlio nato da altri, di cui non si conosce la storia…”.Gli uomini solitamente sono più analitici di noi donne. Agiscono meno d’istinto, meno di pancia e più di testa e, in un percorso come quello adottivo, in cui molte sono le variabili e le incertezze, possono risultare più titubanti. Ho provato allora...

02 Maggio 2017

L'Italia si conferma primo Paese europeo per adozioni internazionali (Dati Cai 2014/2015)

scritto da

Finalmente negli scorsi giorni è stato pubblicato sul sito della CAI il report statistico riguardante le adozioni concluse negli anni 2014-2015, dati importanti che si attendevano da tempo, dal momento che l’ultimo rapporto pubblicato dalla Commissione Adozioni Internazionali risaliva alle adozioni concluse nel 2013. Il report ha avuto fino a quell’anno carattere annuale ma, come viene precisato nell’introduzione del presidente Silvia della Monica “è stata apportata una significativa modifica nelle linee di studio e rielaborazione dei dati in modo da renderla maggiormente utile e finalizzata al supporto dell'attività...