PyeongChang2018: Sofia Goggia scrive la storia, oro nella discesa olimpica

scritto da il 21 Febbraio 2018

afp_10n46t-ku1f-835x437ilsole24ore-web

Chi la conosce bene, se lo aspettava. La serenità con cui aveva preso l’uscita dal SuperG con il miglior intertempo a metà gara aveva fatto capire quanto l’azzurra fosse consapevole dei propri mezzi. “Il sole è sorto anche oggi”, aveva twittato il giorno dopo. E un sole d’oro è sorto oggi per gli italiani che (sbagliando) non hanno messo la sveglia alle tre di notte e stamattina, appena svegli, si sono collegati a internet: SOFIA GOGGIA MEDAGLIA D’ORO NELLA DISCESA OLIMPICA DEI GIOCHI DI PYEONGCHANG. Un risultato storico tre volte perché la 25enne bergamasca è la prima donna italiana a imporsi in una discesa libera olimpica. L’unico a riuscirci prima era stato Zeno Colò nel 1952.
Ancora. Storico perché quello della Goggia è il terzo oro della delegazione azzurra, dopo quelli della portabandiera Arianna Fontana nello short track e di Michela Moioli, grande amica di Sofia – nello snowboard. Gradini più alti del podio tutti al femminile, quindi.
E infine storico perché segna un ideale passaggio di consegne tra l’azzurra e Lindsey Vonn, giunta terza. Arrivata al traguardo, l’americana ha indicato la Goggia, già nella postazione riservata alla leader della gara. Quel gesto che le due ormai fanno abitualmente al termine di ogni discesa che le vede protagoniste ma che ai Giochi coreani assume un significato differente: la consacrazione della giovane regina della velocità da parte della grande protagonista del circo bianco degli ultimi anni, giunta alla sua ultima olimpiade.
Sofia Goggia, ora tocca a te: la storia dello sci ti aspetta.
Intanto, nel medagliere, l’Italia conta adesso nove medaglie, a una dall’obiettivo di dieci dichiarato dal presidente del Coni, Giovanni Malagò, alla vigilia dei Giochi

Ultimi commenti (1)
  • danilo ghezzi |

    Dopo Zeno Colò nel 1952 c’è Lei la grandissima Goggia, 1° italiana di tutti i tempi a vincere l’oro in discesa libera in una olimpiade.
    Sono orgoglioso di essere suo concittadino.
    Viva l’Italia , viva Bergamo.