PyeongChang2018: Ester Ledecka, una snowboarder vince l’oro nel SuperG di sci alpino

scritto da il 17 Febbraio 2018

0fc19787-e646-47a2-add6-6016e12dde80

Le sorprese, soprattutto ai Giochi olimpici, sono sempre dietro l’angolo. Nel SuperG femminile le favorite della vigilia erano l’americana Lindsey Vonn e l’azzurra Sofia Goggia. Invece ad aggiudicarsi la medaglia d’oro è stata una 22enne ceca, Ester Ledecka, due volte campionessa del mondo nello snowbord parallelo che si dedica da soli due anni allo sci alpino e lo fa part-time.

Dietro di lei, scesa con un pettorale alto, il n. 26, l’austriaca Anna Fenninger Veith, medaglia d’argento e campionessa olimpica uscente della specialità, e l’atleta del Liechtenstein Tina Weirather, bronzo.

Delusione per le azzurre. La migliore è stata Johanna Schnarf, quinta a 16/100 dalla vincitrice. Dietro di lei, al sesto posto insieme a Lindsey Vonn, Federica Brignone, medaglia di bronzo nel gigante. Undicesima Sofia Goggia che ha commesso un grave errore a metà gara quando aveva il miglior intertempo. Ultima delle italiane Nadia Fanchini, dodicesima.

Il 23 e 24 febbraio, Ester Ledecka tornerà di nuovo in pista in quella che è la sua gara, lo snowboard parallelo. Figlia di Janek Ledecky, cantante rock e amante dello sci d’acqua, e di Zuzane Ledecka, pattinatrice, mentre i nonni, negli anni Sessanta, facevano parte delle rispettive nazionali di hockey su ghiaccio, pur dividendosi tra tavola e sci, Ester fino alla gara olimpica non era mai salita sul podio in una competizione di alpino. Il suo esordio nella Coppa del Mondo di sci è stato nella discesa libera di Garmisch nel 2006 e come miglior risultato, prima dell’oro coreano, vantava un settimo posto nella discesa di Lake Louis, la pista preferita della Vonn.

Finora solo due atleti sono riusciti a salire sul gradino più alto del podio in due discipline differenti nella stessa edizione dei Giochi, seppure in uno sci d’altri tempi. Sono entrambi norvegesi: Thorleif Haug, a Chamonix 1924, nella combinata nordica 18 km e nei 50 km nello sci di fondo; Johan Grottumsbraten, a St. Moritz 1928, nella combinata nordica e 18 km sci di fondo.

A PyeongChang, Ester Ledecka potrebbe diventare la prima donna di sempre a riuscire nell’impresa, in un’epoca, però, dove la specializzazione è quasi d’obbligo.